• Un omaggio con l'acquisto di cartucce e toner HP!
Trova la tua cartuccia

Toner e inchiostro per stampante

Toner e inchiostro per stampante non sono la stessa cosa e i due termini non sono equivalenti. Anzi, si tratta proprio di due diverse tecnologie di stampa, e la differenza consiste principalmente nel materiale contenuto nei toner e nelle cartucce per la stampante. Il toner è infatti una polvere, mentre l'inchiostro è liquido. Da questa distinzione dipende anche il fatto che toner e inchiostro per stampante funzionano su macchine diverse: l'inchiostro viene usato nelle macchine a getto d'inchiostro mentre il toner nelle stampanti laser. Entrambe le tipologie di stampanti si usano sia in ufficio quanto a casa, ed è difficile se non impossibile stabilire a priori se è meglio una stampante laser che usa il toner o una a getto d'inchiostro. È indubbio che tra toner e inchiostro per stampante ci siano differenze in fatto di velocità e qualità di stampa, di resa intesa come numero di pagine stampate, e ovviamente di costo ma scegliere tra la tecnologia laser o quella a getto d'inchiostro dipende dalla quantità e dalla frequenza delle stampe, dalla qualità del risultato che si vuole ottenere e ovviamente da quanto si è disposti a spendere in termini di rapporto qualità-prezzo.

Toner e inchiostro per stampante: le differenze

L'inchiostro per stampante si trova all'interno delle cartucce, che sono quei contenitori di plastica che si trovano all'interno della stampante e che si possono facilmente sostituire quando sono esausti. La cartuccia a inchiostro viene caricata sulla testina che si muove velocemente avanti e indietro lungo la pagina affinché tramite gli augelli si possa creare l'immagine o i segni grafici che ci sono nel documento da stampare.

Quella delle stampanti laser che usano il toner invece è una tecnologia che trasferisce la polvere del toner sulla pagina tramite delle scariche elettriche che fissano sulla pagina le immagini, le lettere e i segni grafici del documento di stampa. Una volta avvenuta la scarica il foglio passa attraverso rulli riscaldati che fissano la stampa in modo definito.

Quindi scegliere tra toner e inchiostro per stampante significa scegliere tra due tecnologie diverse. Non solo: per quanto entrambe le tecnologie siano sottoposte a standard di qualità internazionali e riconosciuti, la resa in termini di numero di fogli stampati, le differenze in fatto di qualità di stampa e la velocità di stampa possono variare tra marca e marca di stampante e anche tra modello e modello.

Tuttavia dovendo rispondere alla domanda su quale sia meglio tra toner e inchiostro per stampante, si possono riconoscere alcune caratteristiche:

  • Le stampanti laser sono più veloci di quelle a inchiostro
  • le stampanti inkjet a inchiostro sono meno precise di quelle laser
  • Le stampanti a inchiostro sono più precise in fatto di definizione del colore e qualità
  • Le stampanti laser col toner stampano in modo più preciso
  • Le stampanti a inchiostro sono meno adatte a grandi volumi di stampa
  • Le cartucce a inchiostro sono meno costose dei toner

Quindi quale è meglio tra stampante laser e inkjet?

Se la stampante deve funzionare tutto il giorno, stampando grandi volumi di pagine, come per esempio accade in un grande ufficio o nell'ufficio di amministrazione di una azienda, è senza dubbio più indicato il toner: è più veloce, stampa più fogli nello stesso tempo e, sui grandi volumi, la cartuccia toner permette di risparmiare.

Se si necessita di bassi o contenuti volumi di stampa, per esempio per esigenze famigliari, per meno di 2000 fogli l'anno, o per meno di 3 stampe al giorno, allora è più indicata la stampante inkjet a getto di inchiostro: tra il costo della stampante e quello delle ricariche si risparmia, si ottiene una buona resa e sicuramente si ha una soddisfacente qualità di stampa.

Se infine si richiedono stampe a colori di qualità, per esempio per presentazioni della propria attività professionale, o al contrario stampe di bozze in qualità draft, sempre su volumi contenuti, allora anche in questo caso è più economica e pratica una stampante a inchiostro.

Cartucce originali, compatibili e rigenerate per toner e inchiostro per stampante

Sul prezzo unitario di stampa, cioè su quanto costa ogni singolo foglio stampato, influisce però anche il tipo di cartucce toner o inchiostro per stampante che si utilizzano. Nell'uno e nell'altro caso ci sono infatti le cartucce originali, chiamate OEM - Original Equipment Manufacturer, che sono quelle che si trovano nella stampante al momento dell'acquisto, hanno lo stesso marchio della stampante, sono ovviamente per più compatibili e assicurano le performance migliori in termini di qualità e resa di stampa.

Poi esistono le cartucce compatibili, che sono uguali a quelle originali almeno per la forma benché la qualità dell'inchiostro possa variare parecchio da produttore a produttore. In questo caso il risparmio è assicurato, la qualità non sempre, tuttavia può essere una scelta interessante se non si necessita di elevata qualità di stampa.

Infine per toner e inchiostro per stampante esistono le cartucce rigenerate, che sono già state usate e poi vengono revisionate, pulite, riempite e poi rinnovate. Con le cartucce rigenerate non necessariamente si risparmia, la qualità può essere variabile, ciò che è assicurato è il contenimento dell'impatto ambientale dei propri comportamenti quotidiani.