Cookies sul nostro sito web

Utilizziamo i cookies per poterti fornire la migliore esperienza possibile sul nostro sito web. Utilizzando il nostro sito o chiudendo questo messaggio, acconsenti all’utilizzo dei cookies da parte nostra > Informativa e consenso sull’uso dei cookies >

Accetto


Blocchi, Quaderni e Taccuini Viking

Anche nell'epoca del digitale, in cui tutti hanno tra le mani iPad, smartphone, tablet e notebook portatili, c'è sempre l'esigenza di prendere un appunto veloce, schizzare un progetto su carta, appuntare delle note da ordinare in seguito e insomma, di disporre di blocchi, quaderni, taccuini e strumenti per la scrittura a mano.

Materiale per scrivere

Per questo motivo sul sito Viking di vendita di prodotti e materiali per l'ufficio e le attività aziendali puoi continuare a trovare una vasta selezione di quaderni con copertine morbide o rigide, taccuini e block notes di dimensioni piccole o grandi, risme di carta con buchi e ad anelli, anche con bordi rinforzati, e ancora diverse tipologie di registri a righe e quadretti per tenere traccia della burocrazia e delle attività aziendali.



Quaderni Pigna

Il quaderno Pigna è il classico quaderno di scuola. Oggi, nei suoi diversi formati a quadretti, linee e con fogli bianchi, è diventato anche un prodotto di cancelleria versatile da usare ogni giorno a scuola, a casa e in ufficio. Ma quando si dice quaderni Pigna si pensa subito ai banchi di scuola, di ogni ordine e grado dalle elementari all'università, e agli studenti e scolari. I quaderni Pigna sono i quaderni di scuola fin dalla fine dell'Ottocento. A quell'epoca le Cartiere Paolo Pigna di Alzano Lombardo (Bergamo) già producevano carte da cancelleria, carte da lettera, da registro, da disegno, da stampa, cartoni d’ogni genere, articoli novità in scatole di lusso, biglietti da visita, per partecipazioni, per lutto, carte lucidate e non lucidate, ma nel loro catalogo comparvero anche le diciture "carte da scuola, quaderni". Sono stati i quaderni per la scuola Pigna ad accompagnare il processo di alfabetizzazione e di scolarizzazione di massa in Italia, e fu proprio la ditta Paolo Pigna a introdurre due novità destinate a fare storia: la standardizzazione dei formati e delle caratteristiche che dovevano avere i quaderni per la scuola nelle classi elementare e popolare e la possibilità di apporre sui quaderni il proprio nome di produttori al posto di quello delle cartolerie per cui producevano. Erano nati così a inizio del Novecento i quaderni Pigna per la scuola. Ai quaderni Pigna si deve anche un'altra innovazione destinata a caratterizzare per sempre i quaderni scolastici: l'introduzione delle copertine illustrate. Dall'inizio del 1900 i quaderni Pigna scolastici sono quelli con le copertine illustrate, inizialmente con messaggi educativi e morali e poi, dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, con immagini dei capolavori artistici e delle bellezze naturali del nostro Paese e via via con altri temi più popolari legati al cinema, ai fumetti, allo sport, alla musica.

Oggi il quaderno Pigna è disponibile in tantissimi formati in grado di soddisfare le esigenze degli studenti di ogni ordine e grado così come quelle di chi non rinuncia a usare un quaderno a casa come in ufficio: i quaderni Maxi, i raccoglitori cartonati ad anelli, il quaderno Maxi spiralato, i quaderni A4 a righe e a quadretti, i blocchi a pagine bianche a tutti gli altri prodotti di cancelleria per la scuola, l'ufficio e la creatività continuano la lunga tradizione del quaderno Pigna inventato a fine Ottocento.